"La nostra non è la società dello spettacolo, è la società della sorveglianza […] Non stiamo in un anfiteatro, né su un palco, ma nella macchina panottica, investiti dagli effetti della suo potere, che rinveniamo in noi stessi, dato che siamo parte del meccanismo."

Se ti è piaciuto quello che hai letto, perché non lo condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.