Hirayama, dirigente d’azienda vedovo, dopo avere maritato sua figlia Michiko, è andato a sbronzarsi in un bar mentre a casa i suoi due figli maschi e sua nuora lo attendono
Casa Hirayama – Int. Sera
1.Campo Medio dell’ingresso della casa di Hirayama.
2.Campo Medio (C.M.). Koichi, il primogenito di Hirayama, sua moglie Akiko e Kazuo, l’ultimogenito, aspettano seduti il ritorno a casa di Hirayama.
Koichi fuma. Kazuo sfoglia le pagine di un libro.
KAZUO
È tardi, dove sarà?
KOICHI
È tardi…
AKIKO
Sarà al Kawais.
3.Primo piano (P.P.) di Koichi.
KOICHI
Strano…
4.(P.P.) Akiko appare preoccupata. Si sente un rumore alla porta. La donna si volta di scatto.
AKIKO
Eccolo!
5.Campo medio (C.M.) come inquadratura 2.
Akiko si alza.
6.(C.M.) Akiko esce dalla stanza e si ferma davanti all’ingresso inchinandosi. Entra Hirayama, il passo vacillante. Akiko gli prende il cappello dalle mani e lo appende all’attaccapanni.
7.(C.M.) come inq. 2. Hirayama entra nella stanza seguito da Akiko e si va a sedere “fuori campo”.
KAZUO
Che ti è successo?
KOICHI
Hai fatto tardi…
Sarai stanco.
8.P.P. di Koichi. Spegne la sigaretta nel posacenere.
KOICHI
(sorride)
Almeno è tutto finito.
9.(P.P., di profilo) Hirayama si siede.
HIRAYAMA
Tutto finito.
(si volta e sorride a Koichi)
Spero che le vada tutto bene.
10.P.P. di Koichi.
KOICHI
Vedrai che se la caverà.
11.P.P. di Akiko.
AKIKO
È una ragazza in gamba.
12.(P.P) Hirayama, perplesso.
HIRAYAMA
Chissà…
13.P.P. di Koichi.
KOICHI
Sono sicuro di sì.
Koichi guarda l’orologio al polso.
14.(P.P.) Akiko guarda anche lei l’orario al suo orologio da polso.
AKIKO
(a Kazuo)
Per qualsiasi cosa telefonami.
15. P.P. di Kazuo.
KAZUO
Ok.
16. P.P. di Koichi.
KOICHI
(a suo padre)
Noi andiamo.
17. (P.P.) Hirayama solleva il capo sorpreso.
HIRAYAMA
Così presto?
18.(P.P.) Koichi annuisce.
AKIKO
(voce off)
Verremo spesso a trovarti.
19.(C.M.) come inq. 2. Koichi e Akiko si alzano e salutano.
AKIKO
Arrivederci.
Kazuo li segue per accompagnarli alla porta (Hirayama è sempre “fuori campo”).
20.(P.P.) Hirayama si toglie a fatica la giacca di dosso, ancora evidentemente brillo dopo la sbornia al bar.
21.(C.M.) Kazuo chiude la porta, spegne la lampada e torna nella stanza.
22.(C.M.) Kazuo entra.
KAZUO
(al padre)
Io vado a dormire.
Si siede sul suo futon.
23.(P.P.) Kazuo, seduto sul futon, guarda suo padre.
24.P.P. di Hirayama, il capo chino.
KAZUO
(voce off)
Non bere…
Hirayama solleva la testa confuso, probabilmente non ha sentito le parole di suo figlio.
25.(P.P.) Kazuo è preoccupato.
KAZUO
Non voglio che ti senti male.
26.P.P. di Hirayama.
HIRAYAMA
Sto bene…
Hirayama comincia a canticchiare una canzone, gli occhi chiusi e la testa ciondolante.
27. (P.P.) Kazuo è un po’  irritato.
KAZUO
Vieni a letto!
28.(P.P.) Hirayama continua a cantare.
29.P.P. di Kazuo.
KAZUO
Su, vieni a dormire!
30.(C.M.) come inq. 2. Kazuo, stanco, si stende sul futon.
KAZUO
Rischi di raffreddarti.
Io dormo…
…domani ho il lavoro…
Ti preparerò io la colazione.
31.P.P. di Hirayama. Sospira.
HIRAYAMA
Alla fine si resta soli.
Riprende a cantare alcune strofe della canzone. È stanco, il capo continua a ciondolargli.
32.(C.M.) Il corridoio che dà sulla cucina è deserto.
33.(C.M.) Le scale dell’abitazione che portano al piano superiore.
34.(C.M.) La stanza di Michiko vuota.
35.(DETT.) Lo specchio e lo sgabello della stanza di Michiko.
36.(C.M.) Altro ambiente vuoto della casa.
37.(P.P., di profilo) Hirayama sta in piedi sulla soglia della cucina, il viso trasfigurato, quasi piangente.
38.(C.M.) Hirayama si volta e entra in cucina. Si versa dell’acqua in un bicchiere e beve tutto d’un fiato. La sua figura snella, continua a dondolare incerta. Poi si siede al tavolo, esausto, le mani sulle ginocchia.

FINE

Distribuito nel novembre 1962 Il gusto del sakè, racconto del rapporto tra un padre e una figlia ormai in età da marito, è l’ultimo film di Yasujiro Ozu. Il regista giapponese morirà infatti appena un anno dopo, il 12 dicembre 1963, giorno del suo sessantesimo compleanno. Quella qui descritta era l’ultima scena del film, le immagini con cui Ozu si è congedato dal cinema e dalla vita.

Se ti è piaciuto quello che hai letto, perché non lo condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.